Processione Addolorata tempo fa. Storia e Culto.

Le statue della B.V. Addolorata nella storia dell'Arciconfraternita della Morte (Chiesa del Purgatorio) sono state 4. L'attuale statua è stata realizzata da Giulio Cozzoli nel 1957 e portata in processione nel 1958, donata dai coniugi Sergio e Antonietta Magarelli all'Arciconfraternita della Morte. Precedentemente un'altra statua (la terza) in legno, dell'Addolorata, fu portata in processione dal 1905 al 1957 (successivamente “prestata”, nel 1962, alla parrocchia Sacro Cuore di Gesù, di Molfetta). La seconda versione dell'Addolorata è quella che si trova attualmente, nella cappella cimiteriale della Morte, presso il cimitero monumentale molfettese. Della prima versione dell'Addolorata, dell'Arciconfraternita della Morte, ormai si son perse le tracce e riferimenti storici. Lo scultore Giulio Cozzoli non vide mai la Sua opera portata in processione perchè morì il 15/02/1957. Le Chiese di Molfetta in cui si cura il culto di Maria SS. Addolorata sono: Chiesa del Purgatorio, Chiesa di S. Stefano, Chiesa del Sacro Cuore, Chiesa S. Gennaro, Chiesa del SS. Crocifisso, Parrocchia S. Corrado, Parrocchia S. Domenico, Parrocchia S. Bernardino, Parrocchia Immacolata, Parrocchia S. Teresa, Parrocchia S. Achille, Chiesa della SS. Trinità. (Foto: Gegè L. Gadaleta album).






In questa foto notiamo la statua dell' Addolorata portata in processione dal 1905 al 1957, attualmente custodita presso la Parrocchia Sacro Cuore di Gesù, Molfetta.


Nel Venerdi che precede la Domenica delle Palme si svolge la tradizionale Processione della B.V. Maria SS.Addolorata, portata a spalla dai confratelli dell'Arciconfraternita della Morte. La Sacra Immagine esce dalla Chiesa di S. Maria Consolatrice degli afflitti vulgo del Purgatorio e percorre le strade della città per circa otto ore, fino a mezzanotte, quando fa rientro nella Chiesa di S. Maria Consolatrice degli afflitti vulgo del Purgatorio stessa. La processione è accompagnata dalla banda cittadina che cadenza il passo dei portatori suonando le marce funebri, che costituiscono la vera e propria colonna sonora della Quaresima e della Settimana Santa di Molfetta. La Processione percorre dapprima un breve tratto nel centro storico, offrendo scorci unici nella luce del sole declinante, quindi si immette nel centro città, alla presenza di una folla sempre numerosissima e composta nel rispetto della Sacra Immagine.
Particolare è anche la presenza in processione delle donne appartenenti alla Pia Associazione Femminile "Figlie di Maria SS. Addolorata", avente sempre sede nella Chiesa del Purgatorio. Le donne, vestite completamente di nero, tramite preci e canti accentuano il clima di preghiera e raccoglimento e precedono nella fila i Confratelli dell'Arciconfraternita della Morte "dal sacco nero".
Alle melodie struggenti e dolenti delle marce funebri si alternano le preghiere, costituite principalmente dalla recita dei Misteri Dolorosi del Santo Rosario e dal Canto del Vexilla Regis, preghiera che a Molfetta accompagna tutta la Quaresima e della Settimana Santa. Durante l'itinerario, vi sono alcune soste fisse nelle quali vengono suonate sempre le stesse marce funebri, come ad esempio:
Fatalità quando la Madonna esce dall'arco della città vecchia;
U' Conza Siegge in via Sigismondo;
Triste Tramonto al largo Domenico Picca;
Stabat Mater in via Annunziata ed alla ritirata;
Simon Boccanegra in piazza Cappuccini;
Palmieri e De Candia in via Margherita di Savoia.
 (Wikipedia).


Processione Addolorata, Molfetta.
(Ringraziamo Gegè Gad Luigi Gadaleta per aver concesso alcune di queste bellissime foto).
(Cliccare sulle foto per ingrandirle).

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...